opinioni caeranesi

Gli stranieri nei paesi europei

La situazione della popolazione straniera residente nei principali paesi europei al 1 gennaio 2016 (ma le cose non sono cambiate di molto) era la seguente:
Valore assoluto e incidenza sulla popolazione totale
Austria                 1.249.424            14,3%
Irlanda                    586.826            12,4%
Belgio                   1.327.421             11,7%
Germania             8.651.958           10,5%
Spagna                4.418.158              9,5%
Regno Unito        5.640.674             8,6%
Italia                     5.026.153              8,3%
Danimarca             463.088              8,1%
Svezia                     773.232              7,8%
Grecia                     798.357              7,4%
(Fonte LE NIUS)
I dati includono tutti gli stranieri, comunitari e non.
Gli stati che prevedono il cosiddetto ius soli (ossia danno la cittadinanza a chi nasce sul suolo del proprio territorio nazionale) tendono ad avere numeri minori rispetto a chi ha leggi sulla cittadinanza più severe. È per questo ad esempio che la Francia ha un’incidenza della popolazione straniera più bassa della nostra (6,6%), visto che molti figli di immigrati hanno la cittadinanza francese e dunque non finiscono in queste statistiche.
Se dovessimo aggiungere quindi tutti gli stranieri che hanno acquisito nei decenni passati la cittadinanza nei paesi europei, in particolare in Francia (magrebini), Germania (turchi), Inghilterra (dalle numerose ex colonie), Belgio ecc. le loro percentuali salirebbero ulteriormente.
Mancano i clandestini, ma se, come dichiarato dallo stesso Salvini sono 600.000 (quelli che doveva cacciare i una settimana!!! e ammesso che gli altri paesi non ne abbiano), cosa impossibile visto che molti clandestini, passati in Italia, se ne sono andati in altri paesi europei, l’Italia con 5 milioni e 600.000 su 60 milioni di italiani, andrebbe al 9,33%, risalendo la classifica appena di un posto.
Ora che anche la passata “invasione”, ridimensionata prima da Minniti e poi da Salvini, si è ridotta a qualche centinaio di migranti, che arrivano ogni tanto sulle nostre coste, sostenere che l’immigrazione è un problema esclusivo dell’Italia, anzi sembra il principale, mi sembra falso.
Sarebbe meglio che Salvini se la prendesse con i suoi amici dell’est europeo, che invece di migranti ne hanno lo 0%, ma non mi risulta che a Varsavia abbia toccato l’argomento.
Continuare a lucrare sul fenomeno migranti mi pare proprio eccessivo, opportunistico, funzionale solo a mantenere il consenso della parte piu "scalcagnata" del popolo italiano e indegno di un paese civile.

 

CONTATTI
Per tutti coloro che volessero contribuire al dibattito politico, a segnalare eventi o altro, attraverso questo sito:

 

LINK UTILE
Sito comune di Caerano di San Marco

Usiamo i cookies per rendere possibile il corretto funzionamento del sito web per ogni utente; utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookies. Ulteriori informazioni